Rivoluzione digitale: la web-regista di fiction

Immagine
Andrea Egitto, 21 anni, regista di corti e sceneggiati su internet

Spirito bohemien: anima creativa e ribelle che s’ispira all’arte, trasformandola in sogno da inseguire, in professione da coltivare. Andrea Egitto ha 21 anni, ma ne dimostra di più. Sarà il suo vissuto – «ho iniziato a lavorare a 15 anni» – sarà il suo modo di gesticolare, di raccontare e di raccontarsi; saranno i suoi otto tatuaggi che disegnano una vita fatta di passioni (sul braccio primeggia la scritta “rock and roll”); saranno i capelli rossi e il fiore che li ingentilisce, il piercing che segna il volto e lo sguardo vispo: tant’è che parlare con lei è un po’ come scoprire un mondo sbarazzino ma già ben collaudato.
Lei, così come i tanti giovani che abbiamo intervistato per esplorare l’universo lavorativo, appartiene a quella categoria che fa del “pensiero positivo” e dell’intraprendenza imprenditoriale una vera e propria filosofia di vita.
«Il pensiero positivo – commenta la giovane – nasce come esigenza di modifica e miglioramento della vita, che può avvenire in noi attraverso l’osservazione dei nostri pensieri e la ricerca dei nostri sogni. La nostra mente lavora spesso seguendo schemi appresi dall’ambiente che ci circonda: schemi che possono diventare barriere e che sono spesso causa di sensi di colpa, vizi e tabù che paralizzano la creatività. Dobbiamo liberarci e lasciare le porte aperte alla nostra creatività». Il suo lavoro? Fotografa e regista. Il suo canale privilegiato? Quello internettiano. La sua idea? Girare una web fiction e imporsi su un mercato nuovo, in grande ascesa. «Il linguaggio delle immagini, indeterminato ed evocativo – sottolinea Andrea – è dotato di segni che assumono valore simbolico in relazione al significato che vogliamo attribuire a ciò che osserviamo o al valore degli scopi della comunicazione. Credo che oggi il web rappresenti il “territorio” per  poter esprimere al meglio la creatività, diffondendo e promuovendo la sperimentazione artistica». Il settore a cui fa riferimento è quello dei corti e degli sceneggiati che spopolano su youtube, sui blog e sulle piattaforme social, raggiungendo una quantità di contatti incredibile, in pochissimo tempo. Seguono la stessa identica logica cinematografica ma vengono  realizzati con poche centinaia di euro di budget: in piena rivoluzione digitale, questi “prodotti” costituiscono il paradigma della popolarità che si può raggiungere con i mezzi hi tech. Come e quando ti è venuto in mente dì intraprendere questa strada? «Tutto è iniziato con una mostra fotografica, “Avec Lumiere”, ospitata nella scuola  di recitazione di Lucia Sardo – continua la giovane regista – poi un incontro a Roma con un operatore cinematografico mi ha aperto le porte di un mondo affascinante, spingendomi dentro un vortice fatto di musica, poesia, immagini: “arte” in una sola parola. Da lì l’acquisto – che pago ancora a rate – di tutta la strumentazione professionale per poter esprimere le mie potenzialità; la creazione dell’Associazione “Le vedute animate” con Sabina Lamonica – 46 anni, insegnante di sostegno, esperta di relazione e comunicazione positiva – poi la realizzazione della prima sceneggiatura e del primo corto “Gildo e Rinaldo”; la mostra nata da un viaggio in autostop nei Paesi dell’Est che ha poi ispirato il corto “Zingari” – lavoro di 7 minuti, risultato di una ricerca sul mondo Rom, nato per diffondere informazioni e abbattere le barriere create dal pregiudizio – e infine il progetto della web fiction “Fuori c’è la notte”, ambientata interamente a Catania. La scelta di muovermi sul web deriva dal tipo d’investimento da fare: massimo impatto col minimo sforzo economico. È questo infatti l’unico canale dov’è possibile pensare a un’auto-produzione».
Quest’ultimo lavoro, alle Ciminiere, ha visto l’organizzazione di un casting per la ricerca di attori e attrici catanesi dai 5 ai 60 anni: «Nella mia vita – conclude Andrea – ho fatto di tutto, dalla cassiera alla commessa, sperando un giorno di poter realizzare un sogno: diventare regista». Un progetto che grazie al web oggi sì che può diventare un lavoro.

Assia La Rosa

aveclalumiere.blogspot.it
http://facebook.com/andrea.egitto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...